05 Ago Foglie bucate in estate? Attenzione ai parassiti delle piante 2018

Posted on

I coltivatori di cannabis, proprio come tutti gli altri coltivatori, sono sempre vigili e attenti per individuare prontamente parassiti che potrebbero ostacolare lo sviluppo delle loro piantagioni.

Gli afidi di solito possono essere notati sulle foglie e gli steli della pianta di cannabis. Spesso le foglie diventano inoltre friabili, contorte e accartocciate, mentre i fiori si presentano deformati, con striature di colore più scuro. Mosche bianche:  sono mosche piccolissime, che colonizzano la pagina inferiore delle foglie e si spostano in piccoli sciami quando muoviamo la pianta. Si consiglia di non applicare i prodotti quando le piante stanno già sviluppando i fiori, anche se alcuni di questi prodotti possono essere utilizzati durante la tarda fioritura. Gli attacchi della piralide della canapa sono molto difficili da prevenire in quanto le larve sono solite entrare nel midollo del gambo delle piante, divorandolo dall’interno. Le zone più propense ad essere prese d’assalto nella deposizione delle uova sono le parti apicali, dove si trovano le foglie e gli steli più teneri. Nel loro stadio di larve, sono grandi divoratori di parassiti, possono mangiare fino a 60 mosche bianche, pulci e acari dei ragni ogni ora. Le foglie che vengono infestate per prima sono in genere quelle vicine alla parte inferiore della pianta, perciò tenete sempre sotto controllo quest’area. Il danno da loro prodotto alle piante di Cannabis è simile a quello degli afidi, quindi la pianta perde vigore, le foglie cadono e diventano gialle e, a volte, muoiono.

05 Ago Foglie bucate in estate? Attenzione ai parassiti delle piante

  • Rallentamento della crescita
  • Clorosi delle foglie
  • Assenza di vigore a causa dell’assenza di fluidi la pianta marcisce

Pulci delle foglie: sono piccoli insetti a forma di cuneo solitamente verdi, gialli o bianchi.

Questi insetti si nutrono della linfa delle foglie lasciando un residuo di melata rampicante come quella prodotta dalle dialeurodi che favorisce la formazione della muffa nera. Scavatori delle foglie: in genere sono prevalenti nelle serre e nelle coltivazioni outdoor piuttosto che in quelle indoor. Le mosche adulte depongono uova che si sviluppano in larve verdi o nere che si nutrono del tessuto delle foglie scavandole. Il segno evidente della loro presenza sono delle strie bianche sulle foglie verdi. Le larve possono portare anche a delle malattie. Nematodi: sono prevalenti nella zona radicale della pianta e hanno l’aspetto di vermi,alcune specie possono provocare danni alle piante. Sono molto simili alle mosche comuni nella forma e depongono molte uova che si sviluppano in larve e si nutrono degli steli e delle radici delle piante masticandoli o scavandoli. Questo fungo colpisce principalmente le piante indoor o in serra, dove gli insetti hanno l’opportunità di rilasciare i loro escrementi sulle foglie. Muffa polverosa si presenta come un rivestimento polveroso bianco/grigio che ricopre le foglie o altre parti della pianta.

Tarme e parassiti possono invadere la nostra dispensa: scopri come eliminare insetti in maniera naturale utilizzando rimedi fai da te veloci, efficaci ed ecologici.

  • Zolfo
  • Dicofol
  • Endosulfan
  • Fenbutestan
  • Hexythiazox

Conclusioni Ci sono molti tipi di funghi, malattie ed insetti che possono compromettere la salute delle nostre piante e che possono creare problemi alla completa maturazione.

I primi segnali di una possibile infestazione da ragnetto rosso sono numerose e piccole macchie gialle sulla superficie delle foglie. I parassiti delle piante sono degli insetti, anche di piccolissime dimensioni, che le infestano durante determinate fasi del loro sviluppo. Non è possibile vederli a occhio nudo, ma ci si accorge della loro presenza perché le foglie si deformano presentando degli ingrossamenti o delle sottili ragnatele. Anche gli afidi, conosciuti più comunemente come “pidocchi delle piante”, sono molto piccoli e molto temuti. Si trovano di solito sul lato inferiore delle foglie dove succhiano la linfa della pianta per nutrire e deporre le uova nei tessuti vegetali. Quando la popolazione dei tripidi raggiunge un numero relativamente elevato, si possono anche osservare piccole macchie nere sulle foglie, che sono i loro escrementi. In casi gravi, possono anche essere deformazioni nelle foglie e defogliazione prematura delle foglie più colpite. Una carenza conduce all’aumento delle temperature interne nel fogliame della pianta, che provoca all’impianto di evaporare più umidità attraverso le sue foglie. Sono in grado di muoversi molto rapidamente e, spesso, hanno una colorazione simile a quella delle foglie su cui risiedono, rendendo più difficile la loro identificazione.

Fiori rosa fiori di pesco

  • Vecchie foglie diventano gialle, a volte lo sviluppo di clorosi interveniale e scolorimento ai bordi delle foglie

Questi prodotti non sono adatti solamente all’eliminazione dei bruchi, ma anche di agrotidi e larve di altri insetti.

Le marmotte sono roditori in grado di mangiare le foglie delle vostre piante di Cannabis. Le larve di cicalina e di sputacchina si avvolgono nelle foglie e vivono immerse in una schiuma simile a saliva, la linfa della pianta. In casi di infestazione grave, schiacciare tutte le larve possibili, eliminando anche le foglie più infestate. Prendi l’abitudine di controllare la parte inferiore delle foglie (da dove prelevano la linfa della pianta). Rilevamento: Il danno è solitamente osservabile dallo stato della pianta, presenza di morsi nelle foglie e fiori rotti. L’oidio è un fungo che solitamente appare come uno strato sottile o come polvere di cotone, che appare sulla superficie di foglie e fiori. Cambio di colore, forma o consistenza delle foglie o problemi di crescita sono indicatori di un problema nell’equilibrio dei nutrienti. Questa alternativa biologica consiste nel creare un ecosistema all’interno della zona di coltivazione che protegga le piante dagli attacchi dei parassiti e delle malattie. Questi repellenti Bio possono essere nebulizzati sulle foglie delle piante per prevenire gli attacchi dei parassiti e per evitare che si diffondano nelle colture di Cannabis.

Questi estratti possono anche essere aggiunti direttamente nel compost delle piante, venendo assimilati dalle radici come una normale sostanza nutritiva e trasportati in tutte le parti della pianta.

I cosiddetti BT Spray sono prodotti contenenti un batterio, il Bacillus thuringiensis, capace di uccidere funghi, moscerini e larve, così come bruchi, vermi e lepidotteri. Controllare rami, foglie (sopra e sotto), fiori e terreno di coltura, sono espedienti da praticare con continuità. Circa due settimane dopo aver depositato le uova dentro le foglie, le larve cominciano a scavare dei tunnel; è il primo avviso evidente che bisogna cominciare a combatterle. Potrete scoprirlo anche se vedete dei segni argentati sulla superficie delle foglie, accompagnati a volte da puntini, che sono gli escrementi. Potete anche vedere delle foglie ingiallite a causa della clorosi provocata dalla suzione della linfa, la melassa che questi insetti secernono o persino una polvere biancastra sul dorso. Come il ragno rosso si nutre della linfa delle foglie. Si possono anche inserire predatori come larve di crisopidi, che si nutrono di loro; mettetene una ventina per pianta e ripetete l’azione ogni mese. Gli Acari ad esempio possono essere degli ottimi allenati per la pianta di Cannabis perché mangiano i ragnetti rossi, comprese le larve e le loro uova. Tags: , , , , , , , , , , In questo articolo tratteremo ulteriormente degli insetti nocivi e delle malattie che interessano l’area di coltivazione e che hanno un effetto devastante sulla salute della pianta stessa. Questi insetti si nutrono della linfa delle foglie lasciando un residuo di melata rampicante come quella prodotta dalle aleurodidi che favorisce la formazione della muffa nera. Nematodi: sono prevalenti nella zona radicale della pianta e hanno l’aspetto di vermi, alcune specie possono provocare danni alle piante. Ci sono molti tipi di funghi, malattie ed insetti che possono compromettere la salute delle nostre piante e che possono creare problemi alla completa maturazione.