Antiparassitari naturali: rimedi contro i parassiti delle piante 2018

Posted on

Le radici del rosmarino hanno la caratteristica di produrre, a loro volta, radici secondarie, esse sono molto ben ancorate al terreno.

I frutti del rosmarino non si aprono spontaneamente e, quando sono maturi, diventano di colore scuro. Vi riportiamo ora una curiosità che vi farà capire quanto ci potrebbe essere utile il rosmarino grazie alle sue proprietà che poi spiegheremo in modo più dettagliato. Il rosmarino, fin dai tempi antichi, era nota come pianta balsamica. L’olio essenziale di rosmarino, ricavato dalle sommità fiorite, è un ottimo antibatterico ed è molto usato anche in profumeria per la preparazione di profumi, colluttori e saponi. Come per altre piante aromatiche, è meglio non eccedere con le quantità, perché un’eccessiva dose di rosmarino potrebbe provocare irritazioni a stomaco e intestino. La pianta del rosmarino si moltiplica, in genere, per seme, talea o divisione della pianta. Il maggior quantitativo di acqua il rosmarino lo richiede quando è giovane e durante il periodo di fioritura, ma attenzione a non esagerare mai. Il rosmarino viene anche colpito da marciumi radicali che, come si capisce dal nome stesso, colpiscono le radici, la pianta deperisce e muore. Come per tantissime altre piante, un acerrimo nemico del rosmarino è l’afide; contro questo parassita è consigliato l’uso di antiparassitari adatti.

Antiparassitari naturali: rimedi contro i parassiti delle piante

  • Il rosmarino, nome scientifico Rosmarinus Officinalis, è un arbusto sempreverde perenne tipico delle regioni mediterran visita : malattie rosmarino

Il rosmarino (Rosmarinum officinalis) è una specie robusta che, di norma, non presenta malattie e problemi dal punto di vista fitosanitario.

Il rosmarino allora si presenta con colorazione delle foglie tendente al giallo-grigio con macchie talora di colore bruno e seccumi ai margini e nelle punte delle foglie. Nome comune: Rosmarino Nome latino: Rosmarinus officinalis L. Famiglia: appartiene alla famiglia delle Labiate. In più, è ricco di altri importanti costituenti chimici, tra cui derivati terpenici e flavonoidi, che insieme contribuiscono a fare del Rosmarino una pianta di straordinaria efficacia terapeutica. Alla sera il bagno di Rosmarino può essere utilizzato per eliminare il senso di stanchezza della giornata e “ricaricarsi” prima di una serata fuori. Il decotto di Rosmarino risulta efficace anche utilizzato sulle piaghe, come lozione lenitiva. Il rosmarino migliora anche la conservazione dei cibi perché agisce come un vero e proprio antiossidante naturale; questa caratteristica è dovuta alla presenza di sostanze quali diterpeni e acido rosmarinico. Come utilizzarlo Al momento dell’utilizzo, le foglie fresche di rosmarino vengono tritate, mentre quelle secche si sbriciolano. Il rosmarino può essere utilizzato anche per potenziare l’efficacia dell’abituale shampoo per capelli. Per la pelle Il rosmarino si ritrova nella composizione di lozioni e altri prodotti per la cura e la bellezza della pelle, in particolare per il trattamento delle pelli impure.

Rimedi naturali per eliminare i pidocchi delle piante

  • Rosmarino: 60-70 grammi
  • Sale: 20 grammi
  • Acqua: 3 litri circa

Per aromatizzare Per rinfrescare e deodorare gli ambienti chiusi, con i rami del rosmarino si possono realizzare mazzetti decorativi, oppure ghirlande da appendere alle porte o alle pareti della casa.

Per profumare piccoli ambienti, per la biancheria da cucina riposta in cassetti o armadi, sono indicati i sacchettini riempiti di rametti e foglie di rosmarino. Ciao Marika, non preoccuparti, la fioritura del rosmarino è un buon segno e fa parte del normale ciclo vitale della pianta. I fiori tra l’altro si possono usare senza problemi in cucina così come le foglie, hanno il caratteristico aroma del rosmarino. Famiglia: Labiatae - Specie: Rosmarinus officinalis Il rosmarino è la pianta aromatica per eccellenza, utilizzata per insaporire carni, arrosti, pesce, nella preparazione di sughi e in moltissime altre ricette. Il rosmarino è una pianta arbustiva legnosa, perenne, sempreverde, che può svilupparsi fino a tre metri di altezza se coltivata nelle condizioni climatiche favorevoli. Pianta di rosmarino in fioritura Fiore di rosmarino Il rosmarino è una specie facile da coltivare, se posta nelle condizioni climatiche giuste. La tradizione vuole che il rosmarino debba essere sempre piantato al fianco di una pianta di salvia se si vuole che cresca bene. Il rosmarino ha proprietà aromatizzanti e in cucina le sue foglioline sono molto usate sulle carni e sulle verdure. Il rosmarino è una pianta perenne a portamento arbustivo appartenente alla famiglia delle Labiate (Lamiacee).

Parassiti e malattie del Rosmarino

  • Rosmarino con foglie e fiori: 50 grammi
  • Acqua bollente: 1 litro.

La pianta di rosmarino come già accennato è un arbusto, la sua altezza infatti può arrivare anche a 3 metri e per questo motivo viene utilizzata anche come siepe.

Nel periodo estivo specialmente nelle zone a temperatura molto calda la pianta di rosmarino arresta il suo sviluppo, per riprenderlo ad inizio autunno. La pianta di rosmarino è molto rustica, si adatta dunque a molte tipologie di terreno, e vegeta in modo ottimale in terreni acidi. La semina del rosmarino si può praticare all’inizio della primavera, può essere effettuata anche prima come descritto nel paragrafo tecnica di impianto. Il rosmarino può essere soggetto ad attacchi di vari insetti, tra questi: Crisolina del rosmarino La pianta di rosmarino può presentare alcune malattie crittogamiche quali: Sono molte le proprietà medicinali riconosciute alla pianta di rosmarino. Preciso che ho annaffiato tutto tutti i giorni, dando poca acqua a salvia e ancora meno a rosmarino sapendo che ama terreni asciutti. Ecco tutte le più interessanti: Rimedi naturali contro le pulci dagli animali Non ci crederete poi, ma anche gli agrumi possono essere dei validi alleati nella lotta a questi parassiti. L’aglio sembra inoltre efficace anche contro le malattie fungine come la peronospora e, se distribuito nel terreno, contro alcuni tipi di nematodi (parassiti presenti nella terra). Fortunatamente ci sono anche degli efficaci rimedi naturali, che in maniera semplice e naturale ci consentiranno di preservare la produzione stagionale e la salute delle piante.

Possiamo ricorrere poi alle piante aromatiche come il rosmarino, il timo, la salvia e la menta per difendere i cavoli dalle farfalle cavolaie.

Il macerato di rosmarino va consigliato sulle piante dell’orto soggette agli afidi, perché irrobustisce le piante. Larva di sirfide che si nutre di afidi Ma alcune sono molto importanti anche nel controllo di alcuni parassiti delle nostre piante, soprattutto degli afidi. 2) Il rosmarino e la salvia proteggono dagli insetti nocivi ortaggi come le carote ed i fagioli. Ecco come potete eliminarli con rimedi naturali ed ecologici, nel massimo rispetto delle vostre piante. Immagini: iStockphoto Gli afidi sono insetti di qualche millimetro di colore verde, giallo, marrone e nero che si nutrono della linfa dagli steli e dalle foglie delle piante. Esistono diversi rimedi naturali ed ecologici per combattere la presenza degli afidi sulle piante. Per respingere gli afidi possiamo piantare nell’orto delle ottime erbe aromatiche come il basilico, il rosmarino, la lavanda, la menta, la melissa, la salvia e il coriandolo. Il rosmarino si mette a dimora nel periodo marzo –  aprile scavando buche il doppio delle dimensioni del vaso. I fiori del rosmarino tra il bianco e il viola compaiono in primavera e sono commestibili come le foglie. Se si vuole coltivare rosmarino mettendo più di una pianta meglio tenere 5070 cm di distanza tra un cespuglio e l’altro. Il rosmarino è una delle piante più facili da coltivare, essendo perenne non necessita di essere seminata ogni anno e di conseguenza occupa un posto fisso. Non servono particolari potature per la pianta di rosmarino, i rami possono essere tagliati per regolare le dimensioni dell’arbusto. Il rosmarino è una pianta officinale che racchiude nelle sue foglie olii essenziali e ha proprietà utili all’organismo. Per cominciare la preparazione di queste “pozioni” bisogna acquistare in erboristeria oppure raccogliere direttamente dalle piante fresche salvia rosmarino e timo.